Emily Adams Huile d' OL ive II barella-immagine Schermo CUCINA olive olio

Designer Tappezzeria F R verde e grigio con motivo 3 METRI Multi Stoffa qomlap1117-arredamento e bricolage

Giudice tessili bio Trapunta cotone, naturale

Designer Tappezzeria F R verde e grigio con motivo 3 METRI Multi Stoffa qomlap1117-arredamento e bricolage

Tratto dal fatto quotidiano:

C’è qualcosa di osceno nella protervia con cui Autostrade per l’Italia, davanti ai cadaveri, cita contratti e penali. L’idea che una società, miracolata da una concessione statale priva di senso economico e sociale, ricordi che in base ai documenti firmati avrebbe diritto a 20 miliardi di euro anche se venisse provata la sua responsabilità per Flower Quilted Coverlet & Pillow Shams Set, Curves and Curlicues Print è un fatto che scuote le coscienze. Un accordo del genere (oltretutto in parte coperto da segreto di Stato) è un contratto capestro. Chiunque coltivi ancora in sé un minimo senso di giustizia può facilmente capire quale sia la truffa di quella concessione ultra decennale prolungata in tutta fretta.

Secondo il contratto anche in caso di accordo rescisso per colpa grave alla società controllata dalla famiglia Benetton spettano per anni versamenti miliardari. Non abbiamo idea del perché politici di diverso colore nel tempo abbiano accettato tutto questo. Sappiamo però che un accordo del genere autorizza le ipotesi peggiori. Che esulano dalla semplice incapacità e inettitudine di tanti governanti protagonisti dell’affare.Giungla Tropicale PAESAGGIO Multi Tela Wall Art Quadrato foto Più volte in passato noi e altri giornalisti, a partire dai colleghi di Report, abbiamo denunciato e raccontato lo scandalo di queste concessioni. Ma quelle storie e notizie scomparivano presto dai media. Troppo potenti e ricchi i concessionari French Cottage Pond Flowers Landscape Wall Picture oro Framed Art Printdello Stato, troppo importanti gli investimenti pubblicitari dei Benetton, perché editori e direttori ricordassero quale era il loro dovere.

Ora, dopo ridicoli tentativi di occultare la verità prendendosela con i No gronda (contrari a un’opera che quando sarà ultimata non porterà alla chiusura del ponte), la morte e la distruzione si occupano purtroppo di rimettere a posto le cose. Dal 2015 chi lavorava sotto il ponte era costretto a ripararsi dalla cadutaGet Away Relaxing Spa and Chocolates Gift Basket for Two di pezzi di ferro con delle reti. Le segnalazioni ad Autostrade erano rimaste senza seguito. E solo pochi mesi fa, con procedura d’urgenza, era stata indetta una gara per le riparazioni di piloni e tiranti. Questo basta per far comprendere che a Genova Graduation Cap and Scroll Lighted Cake Top + Key Chain Favors Acrylic Topper LED.

Ma non è tutto. Perché, mentre si scava ancora tra le macerie, Autostrade e i suoi azionisti comunicano che in 5 mesi sono in grado di rifare il ponte. Dimostrando che dietro alle loro passate scelte c’era solo la volontà di moltiplicare utili già scandalosamente alti.

Noi non sappiamo come finirà questa storia. Sappiamo però che se vogliono avere ancora diritto di cittadinanza in questo Paese ex ministri, ex premier, ex sottosegretari protagonisti dell’affare e la famiglia Benetton devono presentarsi agli italiani per chiedere con umiltà perdono. Spetta invece alGiving Tree by Surya Poly Fill Pillow, Marronee bianca, 18 x 18 - LEA005-1818 Parlamento il compito di trovare la strada legislativa e di diritto per annullare quella clausola sui soldi da versare ad Autostrade, in tutta evidenza vessatoria per i contribuenti. Sperando che questa volta i servi dei concessionari di Stato presenti in gran numero alla Camera e al Senato trovino la dignità di tacere. E che invece la stampa italiana ancora oggi impegnata in surreali acrobazie per non mettere nei titoli il cognome Benetton, trovi finalmente il coraggio di parlare.

E’ mia opinione che:Glamorous Bedding Linen Choose Item Egyptian Cotton Aqua blu Solid US Dimensiones

La Monarchia delle Banche, dell’Europa, e delle sue lobbies miliardarie, ci sta fregando in pieno ancora una volta, quanto durerà questa lenta ma progressiva agonia.

 

QUEI PRIVILEGI CHE L’EUROPA CONCEDE ALLA GERMANIA

Da:  MILANO FINANZA 7 AGOSTO 2018

 

L’eventuale salvataggio di Alitalia con denaro pubblico apre un’aspra discussione sul merito o meno dell’iniziativa e sulle più generali possibilità di intervento dello Stato nell’economia.               A noi interessa tuttavia partire da un dato di fatto.

L’Italia non ha mai fatto i suoi interessi, e neppure si è accorta, che fin dall’inizio dell’avventura europea veniva permesso ad altri di godere di privilegi e prerogative grottescamente rifiutati ogni Hand drawn unicorn Head floral wreath Girl Bedding set Illustration Duvet coverqualvolta si trattava invece di salvaguardare l’interesse del proprio Paese.

La Germania è riuscita ad inserire negli articoli del Trattato di Maastricht del 1992 specifiche deroghe agli aiuti di Stato per i territori della ex DDR, mentre a noi è mancato altrettanto coraggio per salvaguardare il nostro Mezzogiorno.

Infatti già dalla prima stesura del Trattato Istitutivo dell’Unione Europea (TUE-Maastricht) e come successivamente ribadito nel Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE-Lisbona), furono inseriti specifici articoli che vietavano i cosiddetti “aiuti di Stato”.  Venivano però contemporaneamente previste specifiche deroghe per i territori dell’ex Germania Est. La materia è trattataGlamour rosso Lips Fashion Sexy Erossoic SINGLE TELA parete arte foto stampa specificatamente negli articoli 87, 88 e 89 del TUE (divenuti poi 107, 108 e 109 col TFUE). Viene prima data la definizione di “aiuto di Stato” e quindi successivamente specificato quelle che sono alcune espresse deroghe.

Ricordiamo intanto i requisiti affinché una misura sia qualificata come aiuto di Stato:

1) origine statale dell’aiuto (ovvero risorse del bilancio pubblico);

2) presenza di un vantaggio selettivo (si aiuta qualcuno o una specifica categoria di soggetti e non l’intera platea dei possibili aventi diritto);

3) si incide sulla concorrenza (aiutando qualcuno a discapito di altri competitor);

4) si incide sugli scambi tra gli Stati membri e quindi sui rispettivi saldi import-export.

Mancando uno solo di questi quattro requisiti la qualifica di aiuto di stato decade.

Sono però da considerarsi “ compatibili ” con la normativa UE, e pertanto vere e proprie deroghe gli aiuti:

  1. Gli aiuti a carattere sociale concessi ai singoli consumatori a condizione che siano accordati senza discriminazioni determinate dall’origine dei prodotti;
  2. Gli aiuti quelli destinati ai danni arrecati da calamità naturali o altri eventi eccezionali,
  3. Gli aiuti quelli concessi all’economia di determinate regioni della Repubblica Federale di Germania che risentano della divisione della Germania, nella misura in cui sono necessari a compensare gli svantaggi economici provocati da tale divisione.

La ricerca rivela che il pollame allevato oggi rappresenta il 70% di tutti gli uccelli del pianeta, e che, quindi, solo il 30% degli uccelli sono ancora selvatici ed il quadro diventa ancor più desolante se guardiamo ai mammiferi: il 60% di tutti i mammiferi sulla Terra sono animali, per lo più bovini e suini, il 36% sono umani e solo il 4% sono animali selvatici.

“Questo è piuttosto sconcertante”  ha detto Milo  “perché nei documentari sugli animali selvatici, vediamo stormi di uccelli,Glasgow City Skyline moderno TREBLE TELA Wall Art Box incorniciato stampa di ogni tipo, in grande quantità, e poi quando invece siamo andati a fare una vera analisi completa, abbiamo scoperto che gli uccelli addomesticati sono molto di più di quelli che vivono liberi”.

Di tutti i mammiferi sulla Terra, il 96% sono bestie di allevamento compresi gli umani, mentre solo il 4% da animali selvatici:

****

Designer Tappezzeria F R verde e grigio con motivo 3 METRI Multi Stoffa qomlap1117-arredamento e bricolage

“È qualcosa di veramente sorprendente, la sproporzione del posto che occupa l’Uomo sulla Terra” – ha detto Milo – “Quando faccio un puzzle con le mie figlie, di solito trovo un elefante accanto a una giraffa e accanto un rinoceronte. Home Decor Print art oil painting canvas (No stretch) Liberty Leading the PeopleMa se provo a rendere più realistico il modo di guardare il mondo, dovrei trovare una mucca accanto a una mucca accanto a una mucca e poi accanto a un pollo.”

Nonostante la supremazia assunta dall’umanità, in termini di peso, l’Homo sapiens sulla terra è ben piccola cosa. I virus, da soli, messi insieme hanno un peso percentuale combinato di tre volte superiore a quello degli esseri umani e così pure i vermi. I pesci sono 12 volte più delle persone e i funghi sono 200 volte di più.

 

Le piante rappresentano l’82% di tutte le biomasse del pianeta – 7.500 volte di più degli esseri umani

Comparando il totale della massa degli umani troviamo che i virus sono tre volte di più,  i vermi sono tre volte di più, i pesci 12 volte di più e insetti, ragni e crostacei 17 volte di più. Ma l’ impatto dell’uomo sul mondo della natura rimane immenso – ha detto Milo – particolarmente per le scelte alimentari: “Le nostre scelte alimentari hanno un enorme effetto sull’ habitat di animali, piante e altri organismi”.

“Spero che la gente prenda questo [lavoro] come uno strumento per guardare più realisticamente al mondo ed ai propri consumi” – ha detto – “Io non sono diventato vegetariano, ma per me l’impatto ambientale è entrato nel mio processo decisionale quando devo scegliere: che conviene – carne, pollo o tofu?”

I ricercatori hanno effettuato una stima sulla biomassa, mettendo insieme dati di centinaia di studi, che spessoDavid Hart Men's Linen Shorts, blu, 38 hanno utilizzato tecniche moderne, come il telerilevamento satellitare che può scannerizzare grandi aree e rilevare il sequenziamento del DNA e che possono svelare la miriade di organismi che vivono nel mondo microscopico.

Hanno cominciato prendendo in esame la biomassa di una classe di organismi e poi hanno determinato in quali ambienti quel certo tipo di vita avrebbe potuto vivere in altre parti del mondo per creare un totale globale.GLASS PRINTS Image Wall Art Zebra stripes wildlife safari 2195 UK Si è usato il carbonio come misura chiave e trovato che tutta la vita contiene 550 miliardi di tonnellate di questo elemento. I ricercatori, pur riconoscendo alcune sostanziali incertezze su certe stime, specialmente sui batteri che vivono nel substrato profondo della terra, sono convinti che il loro lavoro possa offrire una panoramica utile a molti.

Paul Falkowski, della Rutgers University, USA, che non ha partecipato alla ricerca, ha dichiarato: “Lo studio è, per quanto ne so, la prima analisi completa sulla distribuzione della biomassa di tutti gli organismi viventi sulla terra, inclusi i virus.”

“Ci sono due aspetti importanti messi in evidenza da questo studio: per prima cosa, gli umani sono estremamente efficienti nello sfruttamento delle risorse naturali ed hanno abbattuto, e in alcuni casi eliminato, i mammiferiDinosauro 3D 908 Federe Letto Trapunta Set Copripiumino Singolo QUEEN UK Estate selvatici per usarli come cibo o per piacere in quasi tutti i continenti. In secondo luogo, la biomassa delle piante terrestri domina in modo schiacciante su tutta la scala globale – e la maggior parte di queste biomasse si presenta sotto forma di piante”.

*****

Damian Carrington

 

Glass urn Drop big verde Cremation Ashes Keepsake Eastern United States - Covens 1758 - 23 x 26.57
                                                                                             

 

 

Mentre la crisi interna dell’Unione Europea peggiora, e molti cittadini si ribellano contro quello che è diventato un progetto di dittatura neoliberista, i politici europei si affrettano a spogliare i governi nazionali di ogni potere per impedire la possibilità di ulteriori interventi democratici.

Il centro-sinistra crede ancora che la UE sia una istituzione votata al bene dell’Europa,  ma non è così, è una dittatura.

Omettono volutamente la domanda più importante:

Di quale Europa stiamo parlando?

Quella delle banche e dei capitali?

 

Storia della UE neoliberista

Stabilire il momento in cui il processo di integrazione europea si è volto al peggio non è compito facile.

È una difficoltà dovuta al fatto che gli aspetti più nefasti (da una prospettiva progressista) di questo processo sono il risultato di decisioni apparentemente non nefaste prese nei decenni precedenti.

Per semplificare, possiamo fissare il momento di svolta dell’Europa verso il neoliberismo intorno alla metà degli anni ’70, quando il regime cosiddetto “keynesiano”, adottato in occidente dopo la seconda guerra mondiale, stava attraversando una crisi conclamata, la piena occupazione dei popoli.

La pressione salariale, i costi crescenti, e l’aumento della competizione internazionale, avevano causato una riduzione dei profitti, provocando l’ira dei grandi capitalisti, e la crisi industriale.

Ma, ad un livello più profondo, il regime di pieno impiego minacciava di costituire le fondamenta per un superamento del capitalismo stesso: una classe lavoratrice sempre più politicamente impegnata, aveva iniziato a fare fronte con i movimenti della controcultura dei tardi anni ’60, chiedendo una democratizzazione radicale dell’economia e della  società, cosa molto grave per i grandi Papaveri Ricconi.

Come l’economista polacco Michał Kalecki aveva anticipato anni prima, il pieno impiego non era divenuto solamente una minaccia economica per la ricca classe dominante, ma anche una minaccia politica.

Durante gli anni ’70 e ’80 ciò costituiva una preoccupazione per le élites, confermata da svariati documenti pubblicati all’epoca.

Lo spesso citato documento della Commissione Trilaterale, Crisi della democrazia, datato 1975, sosteneva -dal punto di vista dell’establishment– che la situazione richiedeva una risposta a molteplici livelli.

Una risposta mirata non solo a ridurre il potere contrattuale del lavoro, ma anche a promuovere un “più alto grado di moderazione nella democrazia” e un maggiore disimpegno (o “non impegno”) politico della società civile rispetto a quanto il sistema faceva, obiettivo da raggiungere attraverso la diffusione dell’”apatia”.

Il secondo obiettivo che la Commissione Trilaterale giudicava come una “precondizione fondamentale” per raggiungere il primo obiettivo, la transizione ad un nuovo ordine economico (cioè il neoliberismo) ed  è stato raggiunto, prima di tutto, mediante una graduale de politicizzazione della politica economica.

Ciò significava svuotare la sovranità nazionale e sottrarre la politica macroeconomica dal controllo democratico parlamentare per esempio, rendendo le banche centrali formalmente indipendenti dai governi isolando, in tal modo, la transizione neoliberistica dalla contestazione popolare. “Legando le proprie mani”, i governi erano in grado di ridurre i costi politici della transizione neoliberistica che, chiaramente, comportava politiche impopolari addossando la responsabilità ad accordi, trattati internazionali e istituzioni multilaterali. Tali politiche furono quindi presentate come l’inevitabile risultato della nuova e dura realtà della globalizzazione, grande bugia.

 

Designer Tappezzeria F R verde e grigio con motivo 3 METRI Multi Stoffa qomlap1117-arredamento e bricolage

In Europa occidentale, questa lotta per smobilitare i movimenti popolari è stata portata alla sua più estrema conclusione. Nel 1971, a seguito del collasso del sistema di cambi fissi di Bretton Woods, la maggior parte dei Paesi europei continuò a sperimentare varie forme di accordi valutari.

Ciò condusse, infine, alla creazione dello SME (Sistema Monetario Europeo), che, in sostanza, ancorava tutte le valute partecipanti al marco tedesco e, per conseguenza, alle posizioni  “anti-keynesiane” e anti-inflazionistiche della Bundesbank.

La strategia ebbe successo nel promuovere una maggiore coesione del tasso di cambio, ma l’aggiustamento ricadde interamente sulle spalle dei Paesi con alta inflazione e valuta più debole.

Le loro valute si apprezzarono in termini reali e trasmisero un impulso disinflazionistico attraverso lo SME. Questa “disinflazione competitiva” portò alla bassa crescita e alta disoccupazione che caratterizzò l’economia europea negli anni ’80, generando deficit strutturali delle partite correnti in Paesi come Italia e Francia.

La decisione delle nazioni con valuta più debole di partecipare allo SME condusse le stesse ad una perdita di competitività e di quote di esportazione, mentre beneficiò in modo enorme le nazioni con valuta forte

(in particolare la Germania). Dal punto di vista delle prime, sembrerebbe trattarsi di una decisione in larga misura autodistruttiva. Tuttavia, una simile decisione non può essere compresa ragionando esclusivamente in termini di interesse nazionale, ma dovrebbe essere vista come il modo in cui una parte della comunità nazionale è stata in grado di porre vincoli ad un’altra, come ha notato James Heartfield.

Fu la reazione alla lotta distributiva degli anni ’70, quando il capitale europeo si rivolse allo Stato per disciplinare la classe lavoratrice e le sue organizzazioni, con l’intento –prima di tutto– di ristabilire la redditività del capitale attraverso la compressione dei salari. In tal senso, la logica della “disinflazione competitiva”, contenuta nello SME, consentiva ai politici nazionali, adesso “privati” dello strumento della svalutazione competitiva, di presentare la compressione dei salari e l’austerità fiscale come i soli mezzi attraverso i quali fosse possibile recuperare la competitività del proprio Paese.

Il prisma della “de-politicizzazione”, una volontaria e cosciente limitazione dei diritti di sovranità dello Stato da parte delle élites nazionali, ci aiuta a comprendere tutte le fasi successive del processo di integrazione europea.

Un passo decisivo fu compiuto nel 1986, con il Single European Act (Atto Unico Europeo), che abolì il controllo dei capitali in tutta la CEE. Quei controlli erano stati la ragione principale di qualsiasi senso di stabilità valutaria in Europa fino a quel momento ma ciò fu ignorato dal rapporto Delors del 1989Enorme finestra 3D Vista mondo mozzafiato oceano paesaggio di adesivi murali Poster M3 -- 98, che era l’estensione logica della legislazione del mercato unico e che fungeva da modello per il Trattato di Maastricht del 1992. Questo trattato (formalmente Trattato dell’Unione Europea o TUE) stabilì un calendario ufficiale per la creazione di una unione monetaria europea. La maggior parte degli Stati partecipanti acconsentì ad adottare l’euro come propria valuta ufficiale, e a trasferire il controllo della politica monetaria dalle rispettive banche centrali alla Banca Centrale Europea (FARFALLA Fiori Floreale Multi Canvas Wall Art STAMPA QUADRATO) entro il 1999. La Germania insistette anche perché l’unico obiettivo della BCE fosse tenere bassa l’inflazione: il primo, se non l’unico, criterio per agire doveva essere assicurare la stabilità dei prezzi. Inoltre, gli articoli da 123 a 135 della versione aggiornata del Trattato di Maastricht, il Trattato di Funzionamento dell’Unione Europea, proibisce in modo chiaro alla BCE di finanziare i deficit pubblici.

Glass urn Heart Big rosso Cremation Ashes Keepsake
Pagine:1234567...15»